Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
7
8
14

Tessera magnetica proverbio napoletano scaramanticoLa lingua napoletana, si sa, ormai è diventata patrimonio dell’UNESCO, sincera, verace, allegra ed essenziale.

Ma è tanta la verità e la saggezza che si nasconde dietro la semplicità

e la soave musicalità tipica di questo dialetto e dei suoi modi di dire. E’ proprio nei suoi modi di dire che ritroviamo gli innumerevoli passaggi da parte di popolazioni straniere che si sono susseguite in un crocevia di culture e possiamo citarne i più famosi:

 

 

1)”Ogni scarrafon’ e’ bell’ a’ mamma suoje”
In quanto ogni persona, seppur non proprio affascinante, è comunque bello agli occhi della propria madre, un modo di dire reso famoso anche dal titolo di una canzone di Pino Daniele.

2)”Chi pecora s’ fa, o’lupo s’a magna”
In questo caso si dice che chi si mostra debole si fa necessariamente sopraffare da uno più forte.

3)”Dicette o’pappice vicin a’noce, ramm’ o’tiemp ca’ t’spertos”
Disse il pappice alla noce, dammi solo il tempo che mi serve e vedrai che riesco ad entrare nel tuo guscio, nel senso che con la pazienza e la costanza prima o poi si arriva al proprio scopo.

4)”Chi nun sta a senti’ a’ mamm’ e o’pat’ và a murì addò nun sap'”
Chi non ascolta i consigli dei propri genitori potrebbe finire in guai seri.

5)”Chi chiagn’ fott a chi ride”
Chi piange solitamente riuscirà ad ottenere di più rispetto a chi non chiede nulla e affronta tutto con il sorriso.

6)”Quann’ o’mar e’ calm’, ogni strunz’ è marenar'”
Quando il mare è calmo e le cose sono facili tutti sanno comportarsi e cosa fare, ma è nei momenti difficili che si capisce chi sa come comportarsi.

7)”Nun sputà n’ciel’ che in faccia t’torn”
Non sputate sulle cose buone perchè poi le conseguenze saranno negative e solo per voi.

8)”O’sparagn’ nun è mai guadagno”
Prediligere il risparmio non sempre è la cosa migliore.

9)”Acqua cà nun cammin’ fa pantano e’fet”
L’acqua che è ferma, così come una persona che tace e non dice la sua, potrebbe invece parlare alle spalle arrecandoci un danno.

10)”A gatta pe’ gghi e press facett e’ figli cecat'”
Per fare le cose di fretta spesso queste cose non vengono bene, quindi meglio impiegare un pò più di tempo e farle bene.

11)”O’scarpar port e’ pegg scarpe”
Qui si intende il fatto che il calzolaio solitamente per riparare le scarpe degli altri non ha il tempo per aggiustare le proprie.

12)”O’pesce fet’ra’cap'”
Il pesce puzza dalla testa, nel senso che quando le cose vanno male è perchè solitamente la colpa è di chi ha preso le decisioni.

13)”Quann’ o’perucchie sale in gloria, perd’ a’scienz’ e a’memoria”
Quando le persone povere arrivano velocemente ad acquisire ricchezze solitamente ci si dimentica dell’umiltà e delle origini.

14)”Frije e’pisc e guard’ a’gatta”
Chi si è guadagnato qualcosa deve goderselo ma deve anche stare attento a chi potrebbe togliergli queste soddisfazioni e premi.

15)”Storta va deritta ven'”
Questo è un proverbio che sottolinea quanto l’ottimismo possa far cambiare un cammino iniziato male in una situazione migliore se solo si vuole cambiarla.

16)”Dicett’ o’parrucchian’ fa chell che t’dic’io e no chell che facc’io”
Solitamente questo indica quanto si predica bene quando si deve parlare agli altri e poi invece si fa l’opposto se riguarda noi.

17)”E’sord’ fann’ venì a’vista ai cecati”
Nel senso che molti farebbero follie per avere qualche soldo.

18)”E’malattie vengono a’cavall’ e se ne vann’ a’per”
Le malattie vengono spesso con velocità ma ci vuole del tempo prima che si guarisca completamente.

19)”E diritt morn’ pe’ man’ re’ fessi”
Le persone intelligenti purtroppo molto spesso vengono danneggiate dagli stupidi.

20)”E’chiacchier’ s’è port’ o’vient'”
Le parole sono inconsistenti e il vento le porta via, quindi i fatti sono quelli presi in considerazione

 

Fonte: grandenapoli

 

Seguici su Facebook

Gli eventi di Oggi

Ti puo' interessare anche....