Calendario Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
9
Data : Sabato 9 Settembre 2017
10
Data : Domenica 10 Settembre 2017
16
Data : Sabato 16 Settembre 2017
17
Data : Domenica 17 Settembre 2017
23
Data : Sabato 23 Settembre 2017
24
Data : Domenica 24 Settembre 2017

minestra maritataA menesta ‘mmaretata, ovvero la minestra maritata, nella tradizione, era il piatto principe del pranzo delle feste, tradizione nel corso degli anni leggermente cambiata.

In questa minestra si sposano vari tipi di carne (maiale principalmente, ma anche manzo, pollo, prosciutto crudo di maiale, osso del prosciutto e tante altre specie di carni) con vari tipi di verdure, da qui il nome.

Con alcune varianti , negli ingredienti, si trova in tante regioni d’Italia, anche la Cassoeula lombarda è una minestra maritata, e, come la nostra , fu introdotta dai Cuochi Spagnoli.

La tradizione la vuole molto ricca di carni e di verdure, ma tra diete, colesterolo, etc... attualmente si preferisce servire la cosiddetta “Menestella di Natale” che è una variante più semplice, più breve da cucinare, meno pesante, meno grassa, ma egualmente saporita.

Di solito la “Menestella “ si serve come entrèe.
La Ricetta

Menestella per 6 persone.

Verdure

fascio di borragine
fasci di cicoria
scarolelle (una variante della scarola ma più piccola )
broccoletti(vanno bene anche i broccoli neri).

 

Carne

2 tracchie di Maiale
2 cotiche
un gambogello di prosciutto crudo

Non vi spaventate tutte queste verdure, nel periodo natalizio, si trovano facilmente dai verdurai. Pulire e lessare, brevemente e separatamente, le verdure strizzarle e tenerle da parte.

In una pentola capiente preparare un brodo con tutti gli odori : carota, cipolla, sedano, prezzemolo e sale aggiungendo almeno 2 tracchie di Maiale, 2 cotiche preparate dal macellaio, un gambogello di prosciutto crudo a pezzetti e un poco di carne di manzo (pettola di spalla).

Dal bollore il brodo deve cuocere per almeno 30/40 minuti. A questo punto si aggiungono le verdure e si lascia insaporire per altri 15/20 minuti.

Si serve ben calda dividendo la carne nei vari piatti, a piacere, e con del pecorino grattugiato a parte, secondo i gusti.

Buon appetito.

 

Fonte: grandenapoli

Seguici su Facebook

Ti puo' interessare anche....